FATTURA ELETTRONICA

Data pubblicazione:
28 Luglio 2014

Con l’entrata in vigore del D.M.E.F. n° 55 del 3 aprile 2013 sono state definite modalità operative e tempistiche dell’obbligatorietà della fatturazione elettronica emessa nei confronti della Pubblica Amministrazione.
Dallo scorso 6 giugno tutti i Ministeri e loro articolazioni territoriali, Agenzie Fiscali e Istituti di Previdenza, non possono più pagare i fornitori che presentano fatture cartacee.
Tutti sono obbligati a generare un file formato xml, firmarlo digitalmente ed inviarlo attraverso la piattaforma del Sistema di Interscambio gestita dall’Agenzia delle Entrate.
Con l’emanazione del D.L. n° 66 del 24 aprile 2014, sono stati definiti i tempi per l’estensione dell’obbligatorietà a tutte le Amministrazioni Pubbliche incluse Province, Regioni e Comuni, che dovranno ricevere i file in formato xml dal prossimo 31 marzo 2015 pena il mancato riconoscimento.
Anche in questo caso la trasmissione della fattura alla Pubblica Amministrazione avverrà tramite il Sistema di Interscambio previsto dal D.M. n° 55/2013 e gestito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.
La norma si rivolge ai fornitori di beni e servizi inclusi quelli professionali.
Per indirizzare correttamente i documenti, a garanzia della liquidazione, le fatture dovranno contenere obbligatoriamente il Codice Univoco, che identifica l’Ufficio destinatario; in aggiunta dovranno essere riportati in fattura il CIG, il CUP (se previsto), il Numero Ordine di Acquisto (OdA), il Numero di Ricezione.
Le fatture che, dopo il 6 giugno, perverranno in formato non elettronico verranno restituite in quanto emesse in violazione di legge.
Per ulteriori informazioni gli interessati potranno consultare il sito: www.fatturapa.gov.it

Ultimo aggiornamento

28 Luglio 2014, 23:00