PRESTITO D’ONORE AGLI UNDER 35 – INARCASSA FINANZIAMENTI ON LINE IN CONTO INTERESSI 2017 – BANDO 2017 – DEROGA AL MINIMO SOGGETTIVO

Data pubblicazione:
4 Aprile 2017

Gentile Collega, per quanto di tuo interesse Ti informo delle seguenti opportunità:

Inarcassa: Prestiti d’onore agli Under 35 – Bando 2017

Nell’ambito degli interventi deliberati da Inarcassa per il sostegno alla professione (art.3.5 dello Statuto) e del relativo budget stanziato, è indetto il bando “Finanziamento in conto interessi – prestito d’onore anno 2017”, per sostenere l’accesso e l’esercizio dell’attività professionale dei giovani associati, con l’obiettivo di favorire il loro ricorso al finanziamento.
Oggetto del bando è il finanziamento, con il 100% degli interessi in carico a Inarcassa per le spese di avvio dell’organizzazione dello studio professionale (acquisto di immobilizzazioni materiali e immateriali necessari allo svolgimento dell’attività professionale).

 

BENEFICIARI
Possono accedere al Prestito d’onore:
– gli Iscritti ad Inarcassa con meno di 35 anni di età rientranti nelle condizioni di cui all’art. 4.4 del Regolamento Generale Previdenza 2012 Inarcassa (contribuzione ridotta) anche riuniti in studi associati, o iscritti ad Inarcassa e soci di società di Ingegneria;
– le professioniste madri di figli in età prescolare o scolare fino all’età dell’obbligo (16 anni di età non ancora compiuti alla data della domanda, sempre che sia attestata la frequenza ad un istituto scolastico).

REQUISITI
Per accedere al Prestito d’onore è necessario:
– essere utenti di Inarcassa On line;
– essere in regola con tutti gli adempimenti formali e contributivi previsti dal Regolamento Generale Previdenza 2012 Inarcassa;
– non aver già fruito di finanziamenti o contributi a carico di Inarcassa.

E’ ammissibile la domanda per un secondo finanziamento purché la sommatoria delle stesse non superi l’importo massimo concedibile.

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO
– Importo finanziabile: da € 5.000,00 a € 15.000,00;
– durata finanziamento concesso: a 12, 24, 36 mesi;
– abbattimento interessi a carico Inarcassa: 100%;
– tasso applicato: BCE vigente tempo per tempo maggiorato di 3,25 punti
– tasso minimo pari allo spread (meno abbattimento interessi a carico Inarcassa).

TERMINE ENTRO IL QUALE PRESENTARE LA DOMANDA
Le domande possono essere presentate entro il 31 marzo 2018 e saranno prese in carico fino a capienza dello stanziamento deliberato per il 2017.

MODALITA’ DI ACCESSO
Per garantire il rilascio del finanziamento con maggiore tempestività, la richiesta deve essere inoltrata esclusivamente tramite Inarcassa On line, specificando le finalità del finanziamento in un breve progetto di utilizzazione, che può prevedere le spese di impianto dello studio professionale e quelle di acquisto di strumenti informatici.

FONDO DI GARANZIA
Da luglio 2010 Inarcassa ha costituito un fondo di garanzia per i giovani iscritti che fanno richiesta del Prestito d’onore non avendo ancora redditi sufficienti a superare l’istruttoria per l’accesso al credito operata dalla Banca.

ATTENZIONE: Il contributo sugli interessi è previsto esclusivamente in regime di iscrizione ad Inarcassa; pertanto qualora, per qualsiasi ragione, intervenga la cancellazione dai ruoli dell’Associazione detto contributo viene meno e il professionista dovrà provvedere al loro pagamento integrale a decorrere dalla prima rata non ancora corrisposta, a meno dell’immediato rimborso del credito residuo.

SPESE ISTRUTTORIA “una tantum” € 50.
SPESE INCASSO RATE € 3,50 per ciascuna rata.

Nel link sotto tutti i dettagli ed il testo integrale del bando in PDF
Per informazioni: Numero Verde 800 016 318.
http://www.inarcassa.it/site/home/news/articolo7222.html

Inarcassa: Finanziamenti ON line in conto interessi 2017 – Bando 2017

Nell’ambito degli interventi deliberati da Inarcassa per il sostegno alla professione (art.3.5 dello Statuto) e nel limite del budget stanziato, sono disponibili per gli associati Finanziamenti in conto interessi finalizzati all’allestimento o al potenziamento dello studio e allo svolgimento di incarichi professionali, con un tasso nominale annuo agevolato.
L’abbattimento in conto interessi a carico di Inarcassa per l’anno 2017 è del 3%.

E’ possibile accedere ai finanziamenti on line agevolati per:
– l’avvio dello studio professionale, inteso come acquisto di immobilizzazioni materiali ed immateriali necessarie allo svolgimento dell’attività professionale fino ad un massimo di € 30.000,00 per singola richiesta e fino ad un massimo di € 45.000,00 per studio associato;
– l’anticipazione dei costi da sostenere a fronte della committenza (proveniente da enti pubblici o similari e società private) di uno o più incarichi professionali fino a un massimo di euro 30.000,00.
– al momento dell’erogazione sarà trattenuta l’imposta sostitutiva pari allo 0,25% del capitale erogato.
I due tipi di finanziamento non possono essere cumulati.
Minimo finanziabile: euro 5.000,00.

BENEFICIARI
Possono accedere ai finanziamenti on line agevolati tutti gli associati con almeno due anni consecutivi di iscrizione alla data della domanda, anche riuniti in associazioni.

REQUISITI
Per accedere ai finanziamenti on line agevolati è necessario:
– essere utenti di Inarcassa On line;
– essere in regola con tutti gli adempimenti formali e contributivi previsti dal Regolamento Generale Previdenza 2012 Inarcassa;
– non aver già fruito di finanziamenti o contributi a carico di Inarcassa. E’ ammissibile la domanda per un secondo finanziamento purché la sommatoria delle stesse non superi l’importo massimo concedibile;
– aver dichiarato nell’anno antecedente a quello della domanda un volume di affari IVA superiore a € 15.000.

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO
– durata finanziamento concesso a 19, 24, 36, mesi;
– abbattimento del 3%, preso in carico da Inarcassa, sul tetto di interesse.
– tasso nominale annuo: BCE vigente tempo per tempo maggiorato di 3,75 punti (tasso minimo pari allo spread)

TERMINE ENTRO IL QUALE PRESENTARE LA DOMANDA
Le domande possono essere presentate entro il 31 marzo 2018 e saranno prese in carico fino a capienza dello stanziamento deliberato per il 2017.

MODALITA’ DI ACCESSO
Per garantire il rilascio del finanziamento con maggiore tempestività, le richieste possono essere inoltrate esclusivamente tramite Inarcassa On line. E’ sufficiente collegarsi dall’ home page di Inarcassa On line alla propria area riservata digitando i codici personali e selezionare dal menù laterale la voce finanziamento On line. Le richieste verranno autorizzate secondo l’ordine cronologico di presentazione in via telematica fino all’esaurimento del budget annuale destinato da Inarcassa al versamento della quota degli interessi.

ATTENZIONE: Il contributo sugli interessi è previsto esclusivamente in regime di iscrizione ad Inarcassa; pertanto qualora, per qualsiasi ragione, intervenga la cancellazione dai ruoli dell’Associazione detto contributo viene meno e il professionista dovrà provvedere al loro pagamento integrale a decorrere dalla prima rata non ancora corrisposta, a meno dell’immediato rimborso del credito residuo.

SPESE ISTRUTTORIA “una tantum” Euro 50 trattenute sull’importo erogato.
PERIODICITA’ di RIMBORSO Mensile
SPESE INCASSO RATE euro 3,50 per ciascuna rata

Nel link sotto tutti i dettagli ed il testo integrale del bando in PDF
Per informazioni: Numero Verde 800 016 318.
http://www.inarcassa.it/site/home/news/articolo7224.html

 

DEROGA AL MINIMO SOGGETTIVO

Gli associati che pensano di dichiarare un reddito 2017 inferiore a 15.724 euro* possono scegliere di non versare il contributo soggettivo minimo. La deroga deve essere richiesta entro e non oltre il 31 maggio, in via telematica tramite Inarcassa On Line

COS’È
La norma prevede la possibilità di derogare all’obbligo della contribuzione minima soggettiva per un massimo di 5 anni – anche non continuativi – nell’arco della vita lavorativa, per chi produce redditi inferiori al valore corrispondente al contributo minimo soggettivo.
Pertanto, chi prevede di conseguire nel 2017 un reddito professionale inferiore a 15.724 euro* può non versare il contributo soggettivo minimo e pagare il 14,5% del solo reddito effettivamente prodotto entro dicembre 2017, dopo la presentazione della dichiarazione on line.
Nel corso dell’anno di deroga restano garantiti i servizi di assistenza (maternità, sussidi, indennità temporanea inabilità, mutui, finanziamenti) così come la possibilità di presentare domanda di riscatto (laurea, servizio militare, periodi di lavoro all’estero) o di ricongiunzione dei periodi assicurativi maturati presso altre gestioni previdenziali.
Il contributo minimo integrativo e il contributo di maternità vanno comunque versati entro i termini previsti (30 giugno e 30 settembre dell’anno in corso).

I REQUISITI
1. essere iscritto ad Inarcassa al momento della richiesta;
2. non essere pensionando o pensionato Inarcassa;
3. non usufruire della riduzione per i giovani under 35 anni;
4. non aver esercitato la facoltà di deroga già per 5 volte.

LA DOMANDA
Per l’anno in corso la deroga deve essere richiesta, entro e non oltre il 31 maggio, esclusivamente in via telematica tramite l’applicativo disponibile nell’area riservata di Inarcassa On Line al menù “Agevolazioni – Deroga contributo soggettivo minimo”.
Nel caso di provvedimenti di iscrizione adottati successivamente al 31 maggio, la domanda di deroga relativamente all’anno in corso dovrà essere presentata entro il mese successivo al ricevimento della notifica di iscrizione (esempio: se la notifica è ricevuta entro il mese di luglio, la domanda di deroga deve essere presentata entro il 31 agosto) secondo le modalità specificate nella notifica stessa.

Nota bene
Può richiedere la deroga anche chi ha in corso la rateizzazione bimestrale dei contributi minimi 2017. In tal caso, il piano di rateizzazione decade; le rate già versate vanno in compensazione con il contributo integrativo e il contributo di maternità e l’importo residuo, se dovuto, andrà corrisposto al 30 settembre.
La domanda può essere annullata entro e non oltre il 30 giugno, esclusivamente in via telematica, sempre dall’applicativo su Inarcassa On Line.

MODALITÀ DI VERSAMENTO
Se l’ammontare del reddito professionale che verrà inserito nella dichiarazione (da presentare entro il 31 ottobre 2018 per il 2017), sarà inferiore a € 15.724* , verrà generato un MAV per un importo pari al 14,5% del reddito dichiarato, da pagare entro il 31/12/18.
Qualora invece il reddito professionale dichiarato si rivelasse uguale o superiore a € 15.724* , verrà generato un MAV con scadenza 31/12/18 di importo pari al 14,5% del reddito dichiarato, maggiorato degli interessi (BCE+4,50%) sul solo contributo minimo dovuto e decorrenti dalle due scadenze ordinarie (integrazione obbligatoria).

GLI EFFETTI
La deroga determina la diminuzione dell’anzianità contributiva utile alla pensione che viene riconosciuta in misura proporzionale a quanto versato per l’annualità interessata.
Ad esempio a fronte di un reddito di 5.000 euro dichiarato per il 2017, il contributo soggettivo dovuto sarà 5.000 * 14,50% = 725 euro, per cui l’anzianità sarà pari a 116 giorni anziché 365. [(725/2.280) * 365 gg.] Si potrà integrare gli importi non versati richiedendo il riscatto entro i cinque anni successivi e assicurarsi così l’anzianità previdenziale intera (integrazione volontaria). La domanda di riscatto può essere presentata già dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello derogato e l’elaborazione del relativo onere potrà essere effettuata a seguito di presentazione della dichiarazione reddituale dell’anno in deroga ed a seguito del pagamento del conguaglio eventuale.
Ad esempio: il riscatto della deroga 2017, di n. 248 giorni, sarà possibile entro il 31/12/2022. La domanda potrà essere presentata già dal 1° gennaio 2018 ma l’elaborazione dell’onere potrà avvenire soltanto dopo il 31 ottobre 2018 (termine di presentazione della dichiarazione reddituale 2017).
(*) Il limite reddituale indicato è provvisoriamente uguale a quello del 2016, in quanto la determinazione per il 2017 è in corso di approvazione da parte dei Ministeri vigilanti. Visto l’andamento dell’indice Istat prossimo allo 0%, l’importo non subirà variazioni consistenti.

Tale comunicazione ha valore meramente informativo e non esaustivo, per maggiori dettagli, visitare i siti istituzionali: http://www.inarcassa.it/site/home.html
oppure contattare il sottoscritto che si rende disponibile per ulteriori chiarimenti ai recapiti in calce alla presente.

Ultimo aggiornamento

4 Aprile 2017, 10:40